Tappe Turistiche

Le Castella

Le Castella offre un viaggio tra storia, leggenda, mito e archeologia, ma anche un percorso esclusivo attraverso un patrimonio naturalistico e storico di notevole valore. Ingresso e visita guidata alla Fortezza Aragonese, risalente al XIV secolo.

1. Escursione battello a visione sottomarina

Escursione di un’ora a bordo del battello a visione sottomarina con assistenza guidata a bordo e sosta bagno o in alternativa minicrociera di 1h con sosta bagno in battello;

2. Visita al laboratorio di ceramica

Visita al laboratorio di ceramica, dove vengono illustrate le varie fasi della lavorazione della ceramica ad opera di un nostro artigiano locale;

3. Degustazione di prodotti locali

Degustazione di prodotti locali in uno dei negozietti della via principale del borgo di Le Castella e shopping libero.

Capo Colonna

Un percorso archeologico ricco di cultura e tradizioni. Dove le meraviglie naturali incontrano l’antica storia di Hera Lacinia. Qui Capo Colonna è uno dei luoghi simbolo della presenza della civiltà Greca con la presenza di uno dei santuari più importanti della Magna Grecia.

1. Santuario di Hera Lacinia

Il santuario di Hera Lacinia, di cui oggi ne rimane come testimonianza una colonna, situato in una posizione strategica su un promontorio chiamato anticamente Lacinion, che diede anche il nome alla dea venerata;

2. Parco Archeologico di Capo Colonna

Il Parco Archeologico di Capo Colonna è uno dei siti archeologici più famosi della Calabria che si estende lungo 30 ettari di terreno adibito a scavi, e altri 20 ettari adibiti a bosco e macchia mediterranea;

3. Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna

Il Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna che raccoglie i reperti rinvenuti nell’area di scavo antistante. Il tour prevede la visita del Santuario dedicato alla Madonna di Capo Colonna.

Crotone

Nel cuore del centro storico della città di Crotone, a pochi passi dal Castello di Carlo V, vi è il Museo Archeologico Nazionale che racchiude in se un patrimonio storico e artistico di inestimabile valore. Tutti i reperti esposti sono organizzati secondo un ordine cronologico, dall’età preistorica, asce ed armi litiche e strumenti per l’agricoltura, all’età del ferro, ricchi corredi funerari e manufatti.

1. Tesoro di Hera

Vasi e anfore di rara fattura di provenienza corinzia, calcidese, attica e italiota e il cosiddetto “Tesoro di Hera”, costituito da preziosi oggetti votivi in oro, bronzo e marmo;

2. Diadema Aureo dedicato alla dea Hera Lacinia

3. Misteriosa Barchetta Nuragica in bronzo del VII secolo a.C.

A coloro i quali vogliono venire a visitare questa città, non possiamo non parlare del suo lungomare. Recentemente ricostruito, è per i crotonesi un punto d’incontro, per ammirare la bellezza, i colori, gli scintillii del mare di giorno e per trasformarsi in puro divertimento di notte.

Santa Severina

L’incantevole Borgo di Santa Severina è tra le destinazioni più visitate dai turisti in vacanza in Calabria, sia in inverno, sia in estate. Si tratta di uno dei paesi più antichi e per questo ricchi di storia, presenti nella regione. Di origine bizantina normanna, il borgo di Santa Severina s’innalza su una montagna rocciosa, nelle vicinanze della valle del fiume Neto, denominata “Nave di Pietra”.

1. Il Castello Normanno di Santa Severina

Detto anche di Roberto il Guiscardo, è tra i castelli più belli e ben conservati della Calabria grazie ad una scrupolosa opera di restauro che ha portato alla luce reperti archeologici di estrema importanza. Il Castello si sviluppa lungo una superficie di 10.000 mq circa. Dall’alto delle sue torri si gode un magnifico panorama attraverso cui è possibile scorgere la vista sull’ampia valle del fiume Neto;

2. Nel Castello si può visitare il Museo Archeologico Nazionale

Contiene tutti i reperti archeologici rinvenute in città. L’uscita didattica continua con la visita al battistero bizantino, ancora integro pervenuto ai nostri giorni che presenta affreschi risalenti al X-XII secolo, e la visita alla cattedrale “ Concattedrale dell’Arcidiocesi di Crotone e Santa Severina” risalente al XIII secolo.

San Giovanni in Fiore, Camigliatello e Cupone

1. Prima sosta: San Giovanni in Fiore

Centro economico e culturale dell’entroterra calabrese che ha come meta principale della visita all’Abbazia Florense, le cui origini risalgono alla fine del XII secolo, ma l’aspetto attuale è frutto di profondi e ripetuti rifacimenti;

2. Seconda sosta: Camigliatello Silano

Frazione di Spezzano della Sila, nota località turistica, con i suoi impianti di risalita e le piste per gli sport invernali. Subito dopo si farà una sosta per il pranzo in un Agriturismo o si potrà scegliere di effettuare pranzo a sacco in aree attrezzate. Nel primo pomeriggio si effettuerà la visita guidata naturalistica nei luoghi più interessanti della Sila Grande.

3. Terza sosta: Cupone

A ridosso del Lago Cecita, nel comune di Spezzano della Sila, è contornato da bosco caratterizzato dalla presenza del Pino Laricio. Si inizierà dal Centro Visita Cupone, centro di educazione ambientale dal quale partono diversi sentieri naturalistici: gli osservatori faunistici, il giardino geologico e il Museo della Biodiversità e l’orto botanico.

Palumbosila e Silavventura

1. Palumbosila

Sorge alle pendici del monte Gariglione, al confine col Parco Nazionale della Calabria, e si affaccia sul lago Ampollino. Questa è un importante località sciistica, dotata di efficienti impianti di risalita per la pratica degli sport. E’ presente una pista di bob lunga 1 km ed un Palaghiaccio  per il pattinaggio, e varie attività di noleggio attrezzature. In un ambiente naturale incontaminato ed è possibile fare un giro in seggiovia, per ammirare il panorama dall’alto, o attraversare il lago Ampollino, nei periodi estivi, in pedalò. La località è ben servita da ristoranti e trattorie per degustare la cucina tipica locale e negozi di ogni genere: è prevista qui la sosta per il pranzo e il tempo libero per lo shopping.

2. SilAvventura

Un parco divertimento immerso tra i boschi di Lorica adatto per adulti, ragazzi e bambini. questo prevede 12 percorsi, 2 pareti d’arrampicata, ponti tibetani, barili sospesi, altalene oscillanti ed altro, è possibile effettuare diversi percorsi acrobatici sospesi tra gli alti fusti di Pino Laricio. Si possono anche affittare canoe, fare giri in mountain bike. Oltre alle attività offerte c’è una rete sentieristica molto curata. E’ presente anche un giardino botanico, con alcune caratteristiche piante locali.

Tropea

Uno dei centri più interessanti della Calabria è la “Perla del Tirreno” famosa in tutto il mondo per le sue straordinarie bellezze naturali e architettoniche, luogo di antichissime leggende e di storia millenaria, sorge su un promontorio tra i Golfi di Gioia e di Santa Eufemia e si vuole che il fondatore sia stato Ercole che, si fermò sulla Costa degli Dei, detta anche Costa Bella.

1. Chiesa Concattedrale  del XII secolo

Eretta su una necropoli bizantina. La chiesa all’interno custodisce un’ icona della Vergine di Romania. La chiesa fu dedicata alla Madonna di Romania, compatrona della cittadina insieme a Santa Domenica.

2. La Chiesa di Santa Maria dell’Isola

Esistente dal 370 d.C. rifugio di eremiti e naviganti. Il santuario è raggiungibile tramite una ripida scalinata ricavata nella stessa roccia dell’isolotto, intorno alla chiesa c’è uno splendido giardino ricco di piante mediterranee con una stupenda vista a mare che offre una panoramica molto suggestiva di tutta la costa. Sullo sfondo si intravedono le Isole Eolie con Stromboli e Vulcano, la Sicilia con il maestoso Etna e la distesa del mare Tirreno.

Pizzo

Borgo arroccato su di un promontorio al centro del Golfo di Sant’Eufemia sul Mar Tirreno, sorge, secondo la tradizione sulle rovine dell’antica Napitia, su cui poi fiorì la Magna Grecia.

1. Castello Murat

Eretto nella seconda metà del XV secolo da Ferdinando I d’Aragona per potenziare il sistema difensivo del suo regno in cui, nel 1815, fu imprigionato e condannato a morte per fucilazione il Re di Napoli Gioacchino Murat. Il castello era costituito da due torrioni cilindrici angolari, da un massiccio corpo quadrangolare, da ponte levatoio e portale e da camminamenti utilizzati come vie di fuga.

2. La Chiesetta di Piedigrotta

Una grotta scavata nella roccia, con stalagmiti diventate colonne e scolpite e trasformate in statue. Una serie di arcate e pilastri naturali, che ospitano un presepe, un San Giorgio e un drago, angeli, una Madonna di Pompei, la scena della moltiplicazione dei pani e dei pesci, altri santi, una Bernadette in preghiera, un cervo, altri animali. Un piccolo altare e l’immagine della Madonna. Un impatto sorprendente, amplificato dalla tenue luce che penetra dalle piccole finestre e dalle piccole aperture tra la roccia, che crea un’altra aura intorno a questa fantastica rappresentazione sacra, mentre il fruscio delle onde suscita nuove forti emozioni nel visitatore.

Isole Eolie

Escursione giornaliera in motonave che prevede diversi itinerari incluso soste per visitare le Isole Eolie che sorgono in un tratto di mare incontaminato e limpido.

1. Stromboli

Vulcano attivo dal mare con bocche eruttive, così perché dai crateri si assiste al lancio di lapilli e materiale incandescente che precipitano su una parte chiamata Sciara di Fuoco. Costeggiando Panarea la più piccola delle Isole Eolie, famosa per il suo villaggio preistorico nel promontorio del Milazzese risalente all’età del bronzo (XIV – XIII sec. a.C.) costituito da capanne a pianta ovale tranne una rettangolare protetta da recinzione con macina e mortai in pietra.

2. Lipari

Coste generalmente alte e scogliose con faraglioni e grotte. Interessanti cave di pomice dalle falde delle rocce rosse, stupendo è il suo Museo diviso in sezioni con reperti dell’ IV e III millennio a.C. altri dell’età del bronzo 2000 – 1400 a.C., ceramiche databili 1400 – 1250 a.C., ecc. Visita della cittadina attraverso le mille viuzze, individuale shopping.

2. Vulcano

Anticamente chiamata Thermes, Terasia, Hiera, Isola di Vulcano e d’Efisto. La leggenda narra che sia stata la dimora di Eolo Dio dei Venti. La baia presenta delle sorgenti termali sottomarine e fanghi naturali che possiedono eccezionali doti terapeutiche.